Ultima modifica: 28 Febbraio 2020
Istituto Superiore "Guido Galli" - Bergamo > Offerta Formativa > Passaggi da altri istituti > Passaggi dall’istruzione Statale all’Istruzione Professionale Regionale (IeFP)

Passaggi dall’istruzione Statale all’Istruzione Professionale Regionale (IeFP)

 

CLASSE PRIMA

Entro il 31 dicembre (preferibilmente non oltre il 22 dicembre per poter pianificare adeguatamente l’inserimento in classe e fornire gli elementi utili, durante le vacanze natalizie, per permettere un recupero efficace dei contenuti delle discipline di indirizzo): nel caso in cui vi sia disponibilità di posti è possibile un passaggio diretto da qualsiasi, indirizzo o percorso di istruzione previo colloquio con referente del riorientamento e il parere positivo del CdC ricevente.

Dopo il 31 dicembre: sono possibili i trasferimenti in corso d’anno solo nei confronti di alunni provenienti dalla classe corrispondente del medesimo ordine, tipo ed indirizzo di studio.

Non è consentito, invece, il passaggio di alunni per classe corrispondente a quella frequentata provenienti da istituti di ordine, tipo e indirizzo diverso.

Nel caso di studenti dell’istituto provenienti dal primo anno del sistema di istruzione quinquennale con esito di non ammissione alla classe seconda, successivamente alla verifica della disponibilità dei posti, verrà preso in considerazione il consiglio orientativo espresso dal corpo docente della classe di provenienza e verrà valutato il percorso compiuto nella classe di provenienza (comportamento, raggiungimento di esiti di competenza soddisfacenti nelle attività tecnico pratiche).

 

CLASSE SECONDA

In corso d’anno: sono possibili i trasferimenti in corso d’anno solo nei confronti di alunni provenienti dalla classe corrispondente del medesimo ordine, tipo ed indirizzo di studio.

Non è consentito, invece, il passaggio di alunni per classe corrispondente a quella frequentata provenienti da istituti di ordine, tipo e indirizzo diverso.

Passaggi prima dell’inizio del secondo anno (tali passaggi di tipo orientativo più che selettivo rientrano nel programma di accoglimento di studenti del 1^ Biennio comune ed entro l’obbligo di istruzione)per il passaggio dal sistema di istruzione al sistema di istruzione e formazione professionale è possibile presentare domanda di passaggio a partire dal mese di marzo sottoscrivendo una “Domanda con riserva” (che non fornisce alcuna garanzia circa la disponibilità del posto).

Il referente per l’orientamento contatterà il richiedente per una prima valutazione del percorso dello studente e per fornire indicazioni rispetto alle parti di programma non comprese nel corso di studio di provenienza che dovranno essere verificate nel corso di una prova da effettuarsi prima dell’inizio dell’anno scolastico.

Dopo il conseguimento dell’esito finale e comunque non oltre il 10 luglio andrà presentata la conferma della richiesta di passaggio. Successivamente la scuola formalizzerà per iscritto la data della prova (che sarà effettuata entro la prima decade del mese di settembre).

 

CLASSE TERZA

 In corso d’anno: sono possibili i trasferimenti in corso d’anno solo nei confronti di alunni provenienti dalla classe corrispondente del medesimo ordine, tipo ed indirizzo di studio.

Non è consentito, invece, il passaggio di alunni per classe corrispondente a quella frequentata provenienti da istituti di ordine, tipo e indirizzo diverso.

Passaggi entro l’inizio dell’anno scolastico: Per il passaggio dal sistema di istruzione al sistema di istruzione e formazione professionale è possibile presentare domanda di passaggio a partire dal mese di marzo sottoscrivendo una “Domanda con riserva” (che non fornisce alcuna garanzia circa la disponibilità del posto).

La verifica delle condizioni di ammissibilità è realizzata e deliberata in rapporto a:

  • la valutazione delle condizioni oggettive e soggettive del successo formativo dell’alunno;
  • il riconoscimento di un percorso formativo in contesto lavorativo (tirocinio/alternanza scuola-lavoro) riferibile alla figura professionale del corso IeFP per un numero di ore non inferiore al numero di ore di alternanza scuola-lavoro previste per la seconda annualità del corso IeFP.
  • la valutazione del gruppo di allievi e i limiti di composizione del gruppo classe in cui effettuare l’inserimento.

Ai fini del passaggio da percorsi di istruzione statale a percorsi IeFP la procedura da seguire prevede:

  1. richiesta in forma scritta da parte degli interessati;
  2. valutazione della domanda e dell’esaustività della documentazione da parte del referente dell’orientamento;
  3. eventuale richiesta e raccolta di ulteriori informazioni e dati;
  4. costituzione della Commissione per il riconoscimento dei crediti formativi;
  5. esame da parte della Commissione delle evidenze documentali delle acquisizioni dell’alunno;
  6. determinazione del valore dei crediti relativi alle competenze o elementi di competenza certificati validati;
  7. definizione e realizzazione di eventuali ulteriori accertamenti tramite apposite prove.

RICHIESTA DI CONTRIBUTO PER LE PROCEDURE DI PASSAGGIO: Nei casi previsti il Consiglio di Istituto delibera l’ammontare del contributo richiesto.

SEZIONE IN AGGIORNAMENTO IN VIRTU’ DELLE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D. LGS N. 61/2017